Provo tanta gioia nel pensare che le mie infedeltà fanno meglio conoscere la Tua misericordia…» (V 4,3). 


'inquieta y andariega'

 



Il cammino di una vita


Proseguiamo il nostro percorso di lettura, riflessione e preghiera con il libro della Vita, di Teresa di Gesù.

Venerdì 24 aprile, alle 21:00, presso il nostro monastero, incontreremo la nostra Santa al momento del suo ingresso in monastero, rivivendo con lei la lotta interiore contro le sue resistenze, che per quasi 20 anni, la tennero legata a se stessa, disponendola, tuttavia a riporre la fiducia solo nell’opera di Dio (libro della Vita cap. 4-9, http://www.unionecarmelitanateresiana.it/joomla/images/PDF/librodellavita.pdf). Teresa è animata dai migliori propositi: «Eppure io, o Signore, pareva che facessi promessa di non mantenere mai nulla di ciò che promettevo, benché tale non fosse la mia intenzione» (V 4,3). «Sentivo che ero schiava, ma non capivo di che cosa» (V 8, 11). Come non ritrovare le nostre fatiche interiori, in queste parole? L’intensità della ricerca e i continui fallimenti la conducono a una sfinitezza, in qualche modo provvidenziale per un pieno abbandono: «Supplicavo il Signore a venirmi in aiuto, ma, come ora mi sembra, avevo il torto di non porre in Lui ogni mia fiducia e di non diffidare abbastanza delle mie forze. Cercavo rimedi, usavo ogni diligenza, ma non riuscivo a persuadermi che ben poco si fa se non deponiamo ogni fiducia di noi stessi per riporla tutta nel Signore» (V 8,12).

Per questo, dopo un lungo periodo di travaglio potrà esclamare: «Provo tanta gioia nel pensare che le mie infedeltà fanno meglio conoscere la Tua misericordia…» (V 4,3).

Siamo convinte che questo cammino sia anche il nostro, per questo, come sempre, l’invito a partecipare è rivolto a tutti!











 

          leggi di più...

La vita dei Santi Carmelitani:

 Santa Teresa di Gesù

Idea regalo del mese