Al Carmelo per parlare di Amicizia

Quest’anno, centenario della nascita della nostra Santa Madre, Teresa di Gesù, ci sembra un’occasione speciale per riscoprire e rivivere la sua esperienza di preghiera e di fraternità. Vorremmo farlo ripercorrendo insieme le tappe del suo itinerario spirituale partendo dalla sua vicenda biografica, di cui racconta in prima persona nel libro della Vita, convinte che si tratti di un’esistenza teologica, un vangelo vivente.

Il concetto che Teresa ha dell’orazione non è infatti una definizione, ma la versione immediatamente trasmessa del momento intenso da lei vissuto di fronte a Dio. Se la lascia sfuggire semplicemente, parlando di altro: «…l’orazione mentale non è altro, per conto mio, che un trattare con amicizia, intrattenendosi molte volte da soli con chi sappiamo che ci ama» (Vita 8,5). Il punto fondamentale è proprio questo “trattare”, che per lei indica il rapporto, l’atto interpersonale con il quale un uomo si lega ad un altro. Non consiste in qualcosa di statico, ma nel dinamismo di questo rapportarsi, nell’atto del tenersi in amicizia, che esige la presenza dell’una e dell’altra persona. Quindi la prima condizione per realizzare il rapporto con Dio è quella di prendere coscienza della Sua presenza. Quando ti metti in preghiera, ci dice la Santa, non sei solo, in quel momento Gesù è già con te, desideroso di entrare in relazione. La seconda condizione è che anche io, a mia volta, mi metta alla sua presenza, mi interessi al Lui, a quello che sta facendo per me. La comunicazione tuttavia, sottolinea Teresa, comincia sempre da una Sua iniziativa e la mia orazione è in realtà una risposta a una incessante chiamata che mi precede: «Trattare con Chi sappiamo che ci ama».  La mia prima attività è dunque credere nella Sua amicizia, la fede nel suo amore per me, la consapevolezza che Lui mi ama così come sono nel momento in cui entro in relazione: con le mie distrazioni, le mie preoccupazioni, le mie mancanze e le mie fragilità. Porto nell’amicizia quanto sto vivendo, perché sia proprio io a vivere questa esperienza di accoglienza e fiducia, con l’interezza della mia persona.

Proprio per questo il cammino di Amicizia è accessibile a tutti: Gesù, mediante Teresa, ci invita a percorrerlo e noi desideriamo condividerlo con voi!

Continueremo pertanto gli incontri di condivisione della preghiera, iniziati nell’anno passato, facendoli precedere da una catechesi sull’orazione di Santa Teresa, tenuta da p. Bruno Moriconi, carmelitano scalzo, docente alla pontificia facoltà Teresianum, di Roma, venerdì 30 gennaio alle 21:00, nella nostra Chiesa.













Volgiti a me Signore

Nuovo percorso sulla preghiera.

Venerdì 1 giugno

alle 21

La preghiera di benedizione

leggi di più

          leggi di più...

La vita dei Santi Carmelitani:

 Santa Teresa di Gesù

Idea regalo del mese